Le mani libere

Dopo Parma, Termoli. Nella città emiliana una prostituta nigeriana venne sbattuta a terra in una cella rimediata nel comando della Polizia Municipale, sabato è toccato alla cittadina molisana del litorale adriatico di Termoli. I vigili fermano un ambulante abusivo, che resiste, non vuole farsi portare via la merce ma viene buttato a terra, malmenato e trascinato sull’asfalto. Tentano anche di metterlo nel bagagliaio dell’auto, gli ficcano la testa dentro, e nel paese all’incontrario per una volta è stata la popolazione in strada a tentare di calmare quegli esaltati in divisa. Qualcuno riprende coi telefonini (tutte le immagini qui) e il caso diventa nazionale. Al capo della Municipale di Termoli tocca una risposta insufficiente e di autoassoluzione sommaria: “Non c’ero, ero in ferie, ma se hanno agito così è perché l’ambulante ha agito in maniera spropositata”. Se così fosse, perché tutti avrebbero protestato? Ovviamente le forze dell’ordine devono fermare gli arrestati e chi resiste va bloccato, oltre in un paese civile non si va. Gli ambulanti abusivi devono essere tolti perché non pagano le tasse (e in questo senso per me anche i negozianti che non rilasciano scontrino sono abusivi) e non hanno le autorizzazioni.

Ma questo è implicito, quello che invece mi preme sottolineare è che da quando c’è la destra al governo tutti questi episodi possono essere tollerati e chi ne è protagonista sa di avere le spalle coperte. Coi deboli si può essere spietati, andare tranquillamente oltre i limiti della legge, nessuno prenderà le loro difese, se non qualche sparuto “comunista” che non si sa perché continua a perdere tempo con questi “paria”, che non votano e non esistono in quanto persone (nel bagagliaio ci si mettono gli oggetti). Non voglio scomodare Moretti quando parla di opinione pubblica che non c’è più, secondo me invece non c’è più un opinione pubblica di sinistra, esserlo oggi non paga di fronte a un popolo ormai senza cuore che si appassiona a persone di plastica e a polemiche futili, che vive di cose superflue come un bambino che piange tanto per un giocattolo e quando l’ottiene il giorno dopo non lo vuole più, ma nemmeno vuole regalarlo all’amichetto che non ha giocattoli. Anche le discussioni e le parole della politica sono dettate dalla destra. Non penso che si debba essere buonisti e non applicare la legge, che si debba permettere l’illegalità. Ma non riesco proprio a essere forte coi deboli e debole coi forti, come la maggioranza dei miei connazionali. E ora, datemi pure del “comunista”.

Annunci

11 commenti

Archiviato in Italia

11 risposte a “Le mani libere

  1. ConteZero

    Fra poco vedrai che inizierà il solito balletto del “noi abbiamo dato libertà sacrosante, non è colpa nostra se nei comuni sono xenofobi”.

    Secondo me l’Italia è piena di piccoli Faust; appena gli dai un minimo di corda sono tutti lì a strozzarcisi.

  2. gabrielik69

    e intanto nel pd plaudono la cacciata di padellaro dall’unità e applaudono bossi alla festa democratica. che partitaccio!

  3. Il PD è una merda, è vero.
    Che gli episodi di intollerenza (e violenza, di conseguenza) siano più tollerati dall’elezione del Berlusconi III, è vero in parte..anche prima c’era stato un inasprimento delle azioni delle forze dell’ordine.

    Perchè la questione della sicurezza percepita che è nettamente inferiore a quella reale, ha un corollario: l’ordine e la rigidità percepite, laddove si “pubblicizzino” d+ gl’interventi in tal senso (è il caso di questo governo), sono nettamente superiori a quelle reali.

    E la critica di sinistra, ultimamente, non sta facendo che cadere in questa trappola, che di fatto, sta portando sempre più gente alla destra (la gente ama sentirsi protetta, non dimentichiamolo!).

    Buona vita, gabriliek

    ps ti ho scritto una mail ad info@..ma mai mi hai risposto 😀

  4. gabrielik69

    ti ho risposto, ma la risposta è che non so come potrei fare… sorry

  5. visto, sorry..non mi aveva aggiornato l’inbox. 😀 thanks

  6. ConteZero

    Se il PD non si sbriga a tornare “serio” alle prossime elezioni affonda, silurato dai comunisti.

  7. gabrielik69

    io credo che alle europee, se non cambiano qualcosa, prendono il 25%

  8. ConteZero

    Si, ma visto che dall’altra parte Berlusconi sta facendo il peggio possibile (ed ancora s’aspetta che esca fuori la cordata Alitalia ed il piano di risanamento e rilancio, quelli che Banca Intesa doveva tirar fuori agli inizi d’agosto) ci sarà un calo generalizzato e Veltroni dirà che c’è disaffezione politica, che bisogna tornare alla vecchia politica, ai toni calmi e tante altre stronzate che gli fanno comodo.
    Se Dio vuole i radicali saltano fuori dal PD (che tanto per quello che ci stanno a fare) e la “cosa rossa” ritorna.
    Il risultato è che Di Pietro (uno che di PD oggi come oggi non ne vuol più sentire parlare) schizzerà, la cosa rossa tornerà ai suoi livelli storici (speriamo più unita di prima) ed i radicali torneranno a fare i radicali.
    Nel PD il flop dovrebbe servire a defenestrare l’ennesimo sindaco di Roma.
    …e mi sà che se continua così richiamano dalla tomba Cofferati.

  9. ehi ragazzi, quante previsioni 🙂 siete dei maghi.
    secondo me, state sottovalutando il periodo storico. Ormai, la generazione Mediaset-trash vota..andiamo sempre più verso una berlusconizzazione del voto. Berlusconi non è un fenomeno congiunturale (come si è sempre pensato), ma è strutturale. il PDL è la nuova DC, con l’unica differenza (e fortuna) che una volta morto il leader, morirà anche il partito. A meno che non esca qualche altro surrogato meticcio di Mussolini…

  10. ConteZero

    No, guarda… la mia (30+) è la generazione Mediaset, questa è la generazione internet.
    Fra quattro anni a votare saranno quelli che oggi hanno 14 anni, quelli nati 1994.
    La televisione è in parabola discendente già dai tempi di Windows 95…

  11. L’ho chiamata Mediaset-trash di proposito.
    Non parlavo di quella degli anni 80 ma di quella degli anni 90.

    E non solo: l’elettorato si è berlusconizzato in toto.
    Non c’è scampo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...